Una dieta sana migliora l'umore e la salute mentale

Una dieta sana migliora l’umore e la salute mentale


LA SALUTE inizia a tavola. Lo sappiamo bene, ma ogni nuova conferma aiuta a rafforzare il concetto: un’alimentazione equilibrata è la chiave per tenere a bada acciacchi e malanni di ogni tipo, anche quando a soffrire non è il corpo, ma la mente. Una dieta ricca di frutta, verdura, pesce e in cui la carne trova poco spazio, aiuta infatti l’umore e tiene a bada ansia e depressione. Specialmente tra i giovani adulti, una delle popolazioni più a rischio per i disturbi dell’umore. È quanto emerge da un nuovo studio realizzato dai ricercatori della Macquarie University, in Australia, pubblicato sulle pagine di Plos One.

LEGGI – La dieta giapponese sfida quella mediterranea. Gli esperti: “Sane entrambe perché tradizionali”

Un possibile legame tra dieta e salute mentale – scrivono i ricercatori – di per sé non sarebbe una novità. Ma i trial randomizzati, golden standard nella ricerca medica, svolti per confermarlo si contano ancora sulle dita di una mano. Per questo motivo gli autori del nuovo studio hanno deciso di realizzarne uno di persona, coinvolgendo 76 studenti universitari di età compresa tra i 17 e i 35 anni, tutti con sintomi depressivi moderati o severi, e tutti abituati a seguire una dieta poco salutare: cibo spazzatura, zuccheri, grassi saturi, e chi più ne ha più ne metta. Hanno quindi diviso i partecipanti in due gruppi in modo casuale (per ottenere uno studio randomizzato) e chiesto a metà di loro di adottare una dieta più sana, incentivandoli con buoni pasto e un cesto di prodotti salutari a testa, e all’altra metà di mantenere le proprie normali abitudini alimentari.

LEGGI – “Assumere troppi zuccheri aumenta problemi salute mentale”

Dopo tre settimane, entrambi i gruppi sono stati esaminati nuovamente per verificare se e come fossero cambiati i sintomi della depressione e dell’ansia, e più in generale l’umore. I risultati hanno dimostrato l’efficacia di una sana alimentazione. Nel gruppo che ha modificato la propria dieta infatti i sintomi della depressione sono risultati completamente in remissione. Stesso discorso per l’ansia, e per l’umore, significativamente migliorato rispetto all’inizio dello studio. Nel gruppo di controllo, invece, la situazione è rimasta invariata: depressione moderata/severa, alti punteggi di ansia e diffusi problemi di umore.

LEGGI – Più frutta e verdura, meno depressione

Portando avanti la ricerca, gli autori dello studio hanno continuato a monitorare 33 partecipanti del gruppo che aveva adottato i cambiamenti di dieta per altri tre mesi, per verificare se e quanto i risultati positivi perdurassero nel tempo. E se da un lato continuare a mangiare sano è risultato più complicato del previsto, con un misero 21% dei partecipanti che è riuscito a mantenere per i tre mesi seguenti le buone abitudini alimentari acquisite durante lo studio; dall’altro i risultati hanno dimostrato di superare anche la prova del tempo: i benefici psicologici della sana alimentazione hanno retto per tutto il periodo monitorato. Per questo motivo, i ricercatori ritengono che la dieta rappresenti ormai uno dei più promettenti campi di intervento per aiutare chi soffre di depressione o disturbi dell’umore: un vero e proprio fattore di rischio modificabile per la salute mentale.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA