Quello che veramente importa, un film per la terapia ricreativa della Dynamo Camp

Quello che veramente importa, un film per la terapia ricreativa della Dynamo Camp



Quello che veramente importa, un film per la terapia ricreativa della Dynamo Camp

Fino al 7 marzo anche nelle sale italiane. Una storia che racconta il coraggio di cambiare


UN FILM che regala emozioni non solo a chi lo vede ma anche ai tanti bambini affetti da gravi malattie che grazie agli incassi potranno usufruire dei programmi di terapia ricreativa dell’associazione Dynamo Camp. Il film in questione è “Quello che veramente piace”, è arrivato da qualche giorno anche sugli schermi italiani ed è il primo film concepito a scopi del tutto benefici perché il 100% degli introiti sarà devoluto a Dynamo Camp. Il film ha avuto un grande successo in Spagna, Messico, America centrale e Colombia e fino ad ora ha superato i 3 milioni di spettatori e ha ricavato più di 3 milioni di dollari per i bambini.
 
“Quello che veramente importa” racconta la storia di Alec, un giovane che vive in Inghilterra e lavora riparando apparecchi elettrici per conto di una società sull’orlo della bancarotta. La sua esistenza è un disastro completo finché un giorno suo zio Raymond gli propone di ripagare tutti i suoi debiti. In cambio, Alec deve tornare per un anno alla casa di famiglia, in Nuova Scozia. Una volta a destinazione, con l’aiuto di Cecilia prova a cercare un nuovo lavoro, quando scopre casualmente di avere il dono di guarire le persone, anche se è il primo a non crederci. Nella lotta per comprendere le sue capacità sarà aiutato da Abigail un’adolescente malata di tumore, che gli mostrerà quale sarà la strada da percorrere. Il film è diretto da Paco Arango e distribuito dalla Mediterranea Productions. Nel cast ci sono attori di fama internazionale: Jonathan Pryce, Oliver Jackson-Cohen, Camilla Luddington (famosa per il suo ruolo di Jo Wilson in Grey’s Anatomy), Jorge Garcia, Kaitlyn Bernard.

 
LA TERAPIA PER BAMBINI

L’Associazione Dynamo Camp Onlus offre gratuitamente programmi di Terapia Ricreativa a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni, affetti da patologie gravi e croniche, alle loro famiglie e ai fratelli e sorelle sani. Le attività si svolgono presso Dynamo Camp ma anche in ospedali, case-famiglia e a bordo del truck Dynamo Off Camp in tour nelle maggiori città italiane. Arrampicata, equitazione, tiro con l’arco, Terapia Ricreativa in acqua, attività di circo. Tutte sono strutturate secondo il principio della Terapia Ricreativa che ha l’obiettivo dello svago e del divertimento ma anche e soprattutto di essere di stimolo alle capacità dei bambini, di rinnovare la fiducia e la speranza. La ricerca mostra un incremento significativo negli atteggiamenti positivi dei bambini che partecipano a queste attività come ad esempio autostima, indipendenza, capacità relazionali e sociali e resilienza. Per esempio, i genitori hanno riportato dei propri figli dopo il periodo al Camp: 78% incremento nella sicurezza in se stessi, 73% un incremento di autostima, 81% un incremento di maturità, 76% un incremento in indipendenza, 72% un accresciuto interesse a partecipare in attività sociali, 79% un’apertura a sperimentare nuove attività e esperienze.
 
Dal 2007, Dynamo Camp ha gratuitamente ospitato 7.607 bambini in programmi per Soli Camper, 7.269 bambini, ragazzi e genitori nei programmi per le famiglie e raggiunto 20.840 bambini in Outreach, offrendo così programmi di Terapia Ricreativa a oltre 35.000 persone; ha coinvolto e formato 6.420 volontari e ha oggi 55 dipendenti e 81 persone di staff stagionale. Il network di Dynamo Camp comprende 158 ospedali e associazioni in tutta Italia. A questo link è possibile vedere l’elenco delle sale nelle quali viene proiettato il film.
 

IL PROGETTO DEDICATO A PAUL NEWMAN

“Quello che veramente importa” é dedicato a Paul Newman che trent’anni fa lanciò una rete mondiale di camp di vacanza gratuiti per bambini malati: Serious Fun Children´s Network (www.seriousfunnetwork.org). Attualmente esistono 30 camp in tutto il mondo. Paco Arango è stato membro del consiglio di Serious Fun durante più di 9 anni e con questo film vuole raccogliere fondi per i bambini malati di tumore o in situazioni di disagio in tutto il mondo.