Invecchiamento della pelle

Invecchiamento della pelle

Diventa finalmente possibile frenare l’invecchiamento precoce della pelle, così, quello che ieri sembrava impossibile oggi potrebbe diventare, invece, realtà.

A confermarlo uno studio condotto dall’importante studio di ricerca internazionale indirizzato dalla sapiente conoscenza di Bruno Reversade, membro del Singapore’s Institute of Medical Biology (IMB), e pubblicato dalla nota rivista Nature Genetics.

Pare che la ricerca abbia scoperto una proteina capace di bloccare o addirittura invertire il processo che causa la patologia oramai sempre più diffusa soprattutto nelle nuove generazioni.

L’invecchiamento precoce è una rara malattia del tessuto epidermico, su base genetica, e causa gravi inestetismi quale: perdita dell’elasticità, arresto della densità ossea e possibile comparsa di cataratta.

Pare che i principali fattori che ne causano la comparsa, siano alcune disfunzioni presenti nel gene PYCR1 che agisce direttamente sul cromosoma 17.

I ricercatori affermano che l’invecchiamento precoce sia determinato, in particolar modo, dalla bassa presenza della proteina che porta ad un mancata rigenerazione della cellula.

La ricerca è stata effettuata grazie all’ausilio di 15 ospedali e svariati centri di studio e ricerca dislocati in 13 diversi paesi, e mira a dimostrare che, incrementando la presenza della proteina in questione, si potrebbero sovvertire gli effetti potendo agire concretamente anche sulle rughe.