Genitori e medici sottovalutano il problema dell'obesità infantile

Genitori e medici sottovalutano il problema dell’obesità infantile


E’ UN PROBLEMA sottovalutato quello dell’obesità infantile. Più di un genitore su due non fa infatti caso ai problemi di sovrappeso dei figli. Una questione che non viene considerato neanche dai pediatri: il 50% non valuta o ignora questo dato nel corso delle visite mediche. A sostenerlo una ricerca appena presentata al Congresso europeo sull’obesità che si tiene fino al primo maggio a Glasgow, nel Regno Unito. Un dato ricavato grazie a una metanalisi che ha confrontato 87 studi fra il 2.000 e il 2018 su 24.774 ragazzi fra 0 e 19 anni e le loro famiglie.

“Nonostante i numerosi tentativi di sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema, i risultati della ricerca indicano che è diffusa l’abitudine di non non considerare in modo adeguato il problema del peso dei bambini”,spiega Abrar Alshahrani dell’Università di Nottingham, nel Regno Unito, che ha coordinato la ricerca. “Non percepire questo elemento è grave. I professionisti della salute dovrebbero stare accanto alle famiglie e far capire loro quanto l’obesità possa nuocere alla salute. La tendenza degli operatori sanitari a sottovalutare il sovrappeso suggerisce che i bambini non ricevano un sostegno adeguato e che non venga così garantito loro un aiuto in questa direzione”.

LA RUBRICA – Dieta? Manda una domanda all’esperto
LEGGI
Obesità infantile, il kit per le porzioni a misura di bambino

Una questione che sembra emergere anche dai numeri italiani, visto che salgono i dati sull’obesità dei ragazzini. In Italia, patria della dieta mediterranea, due bambini su 10 sono in sovrappeso e uno su 10 è obeso, con  una maggiore prevalenza nel centro sud. L’obesità infantile è un fenomeno non solo dilagante ma anche persistente: circa il 50% degli adolescenti obesi rischia di esserlo anche da adulto. Negli ultimi 40 anni nel mondo i bambini e adolescenti obesi sono aumentati di dieci volte: se nel 1975 erano 5 milioni le ragazze con questo problema nel 2016 sono diventate 50 milioni, mentre i maschi obesi erano 6 milioni nel ’75 e nel 2016 sono diventati 74 milioni.

LEGGI Obesità: un’epidemia che aumenta l’incidenza di tumori in età giovanile
LEGGI Oms: bimbi fino a 2 anni mai davanti ad uno schermo

Una questione che riguarda anche gli altri paesi europei. In Europa, il 19-49% dei ragazzi e il 18-43% delle ragazze sono sovrappeso o obesi. E solo pochi fra loro ricevono un trattamento adeguato. Fra l’altro, ricordano i ricercatori, diversi studi hanno dimostrato che la percezione del peso corporeo è associata a comportamenti “corretti” per superare il problema e a un corretto stile di vita.

LEGGI In Italia un bambino su tre è in sovrappeso e più di un milione sono denutriti
LEGGI Obesity Day, il dietologo è qui


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica