Doctor House: lo strano caso dei colpi di tosse violenti e ravvicinati

Doctor House: lo strano caso dei colpi di tosse violenti e ravvicinati


Pensavo di essere riuscita a proteggerla e invece temo che anche Martina si sia ammalata: è così che la mamma di Martina si rivolge al suo pediatra. Alla sua terza esperienza di mamma, la famiglia di Martina si era ben attrezzata: per proteggere la piccolina di soli 50 giorni di vita, tutti si erano vaccinati contro il virus dell’influenza stagionale, compresa la baby sitter. Ciò nonostante, il papà da circa una settimana aveva iniziato a tossire.
Una tosse strana, secca, stizzosa, senza raffreddore e senza febbre.
Per qualche giorno la mamma di Martina aveva sperato fosse legata al fumo ma poi anche la piccola Martina aveva iniziato con una tosse sporadica e accompagnata da abbondante scolo nasale, poi sempre più intensa, seguita a volte da vomito. «A volte la tosse è cosi forte che mi sembra non riesca più a respirare», riferisce preoccupata la mamma. Il pediatra la visita: l’obiettività toracica sembra normale. «Potrebbe essere un virus para-influenzale o il rhinovirus o ancora il virus respiratorio sinciziale. In questa stagione è facile ammalarsi!». Il pediatra prescrive aerosol terapia per Martina e raccomanda alla mamma di controllare bene che la piccola continui ad assumere il latte e a respirare bene. Ma proprio mentre le sta programmando un controllo per il giorno dopo, ecco Martina che inizia a tossire. Tanti colpi di tosse, intensi, ravvicinati. E intorno alle labbra Martina assume un colore bluastro. La mamma inizia a urlare spaventata e a soffiare sul volto di Martina, che di lì a poco si riprende. Il pediatra la tranquillizza, ma le consiglia di recarsi in ospedale per sottoporsi agli accertamenti. Cosa può essere accaduto?
Tutti si erano vaccinati ma la bambina non essendo ancora vaccinata ha contratto la pertosse che da’ anche talvolta cianosi ed ipossia transitorie
Elena Merolla md

Bronchiolite virale
Giulia Barranco

 “whooping cough” – Pertosse – infezione da Borderetella Pertussis Coccobacillo G-
Dott Roberto Polisca – Urbino –

Martina ha la pertosse. Al P.S. le faranno un emocromo che evidenzierà una linfocitosi. La diagnosi verrà confermata con test specifici di laboratorio. Il pediatra prescriverà un macrolide e , se le crisi di apnea sono frequenti, la ricovererà in osservazione per qualche giorno
Caterina Borgna

Crisi di apnea in soggetti con pertosse

Inviate le risposte a [email protected]

 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA