Doctor house, che strana quell'angina della maratoneta vegana

Doctor house, che strana quell’angina della maratoneta vegana



IL DOTTOR Savona intervistava la malata con uno sguardo che lo faceva passare per misogino. Alice era una bella donna di 45 anni e lui sapeva già dell’ECG da sforzo: lo specializzando era sbiancato davanti al sottoslivellamento dell’ST di 4 millimetri nelle derivazioni inferiori e laterali.Alice aveva fatto la maratona di New York, era snella, arrampicava, mai una sigaretta né un bicchiere di vino, era quasi vegana ma ischemizzava come una diabetica ottantenne.
 

Adesso, dopo una corsettina o due rampe di scale, un dolore sordo le si piantava dietro lo sterno; doveva fermarsi e passava in pochi minuti. Savona non aveva mai visto una donna senza un fattore di rischio cardiovascolare (aveva sintomi di premenopausa, poca roba) con un’angina pectoris così. Il dottore indicò ad Alice il lettino dell’ecocardiogramma. Mentre lei si spogliava lui si girò a malincuore. Pensò a come dirle della coronarografia che le avrebbero fatto, dell’angioplastica con palloncino e stent che le sue coronarie avrebbero richiesto. Appoggiò la sonda sul petto della donna. Il miocardio era intatto e ben contrattile, le valvole perfette, l’aorta regolare. Mentre Savona insisteva nervosamente intorno alla proiezione parasternale sinistra asse corto anche Alice si accorse di qualcosa. «Non aveva detto che l’ecocardio sarebbe durato un minuto?», chiese.
 

Savona esitò, assorto. «Certo signora, avevo detto così perché con l’ecocardio non si vede l’interno delle coronarie e quindi l’eventuale aterosclerosi. Ma il problema qui non è dentro le coronarie». «Come non è dentro…ma è peggio o meglio ?», chiese lei. Savona si riprese e disse: «Faremo una Tac e sapremo come intervenire».

Cardiologo, ospedale S. Orsola, Bologna

LE VOSTRE RISPOSTE

La signora potrebbe avere un ponte intramiocardico, anomalia congenita. Fernando Agrusti

Cardiomiopatia Ipertrofica. Roberto Polisca

La risposta potrebbe essere angina da disfunzione del microcircolo. Gino Cozzolino

Linfoma che comprime il cuore. Maria Elena
 
Si tratta di un ponte muscolare sulla coronaria dx. Gino Puccinelli