Calcio: Zaniolo, l'esperto: "Evitare recuperi in tempi record dopo la rottura del legamento crociato "

Calcio: Zaniolo, l’esperto: “Evitare recuperi in tempi record dopo la rottura del legamento crociato “


NON CI SONO “panacee” che possono permettere a Nicolò Zaniolo di ridurre i tempi di recupero dalla rottura del legamento crociato anteriore in tempi record. Dunque, la parola d’ordine è ‘prudenza’, altrimenti il rischio di recidiva è dietro l’angolo. A dirlo è Andrea Piazze, presidente del Gruppo di interesse specialistico in fisioterapia sportiva di Aifi, l’Associazione italiana dei fisioterapisti.

“Attenzione ai tempi di recupero – avverte Piazze – Il consiglio alle società, ma anche ai media, è quello di non aumentare la pressione per abbreviare il ritorno in campo”. I fisioterapisti parlano di recuperi a tempi record che sono diventati “prassi” perché incentivate anche “da alcuni aspetti burocratici”.

“Le società di serie A, B e C hanno un contratto collettivo che prevede la possibilità di licenziamento ai 6 mesi e 1 giorno di malattia del dipendente – dice Piazze – Quindi i calciatori hanno sulla testa una spada di Damocle; è sempre più frequente vedere giocatori in campo dopo 4 mesi e mezzo, 5 mesi: quindi in tempi che assolutamente non bastano e sono molto in anticipo rispetto alle fasi più adeguate di recupero da infortuni gravi. Un rientro allo sport dopo la lesione al legamento crociato anteriore avviene in sicurezza sui 9-12 mesi”.

Le conseguenze di questi recuperi ‘sprint’? “Il rischio di recidiva è parecchio più alto se il ginocchio non è ancora pronto – chiarisce Piazze – Il giocatore che rientra prima lo fa esclusivamente per fattori ambientali esterni come possono essere il contratto, la pressione del club e dei media; non esistono panacee e miracoli che possano ridurre i tempi di recupero: che una persona si chiami Zaniolo o Mario Rossi, il ginocchio reagisce organicamente nello stesso modo. Semmai può avere delle performance diverse e può avere bisogno di maggiore assistenza, potendo dedicare più tempo agli allenamenti e avendo una capacità motoria diversa. L’obiettivo dell’Europeo è alla portata e i tempi per riprendersi ci sono. Certo, Zaniolo avrà un super lavoro da fare”.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA