Facoltà di Scienze Economiche ed Aziendali - Università degli Studi del Sannio

Saturday
Nov 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Corsi di Laurea Magistrale-CICLO 2010-2011

Disposizioni Comuni A.A. 2010/2011

Attività didattica ed esami

Gli insegnamenti dei Corsi di laurea (primo anno del ciclo 2010-2012; secondo anno del ciclo 2009-2011) sono distribuiti in due periodi (semestri).

Ogni anno accademico gli appelli degli esami di profitto e delle prove di verifica sono sei e la loro distribuzione entro l’anno è la seguente: un appello si svolge, di regola, alla fine dei corsi di ogni semestre; due appelli straordinari si svolgono nel corso di ciascun semestre.

I corsi e gli esami si svolgeranno, per l’anno accademico 2010-2011, secondo il calendario didattico.


Requisiti per l’immatricolazione

Per iscriversi al Corsi di Laurea Magistrale occorre il possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale ovvero di altro titolo conseguito all’estero, riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente. Sono richiesti anche:

1. il possesso di requisiti curriculari;

2. l’adeguatezza della preparazione personale dello studente.

1. Requisito curriculare sufficiente per l’iscrizione è il possesso di una laurea triennale in discipline economiche, appartenente alle classi L-17 e L-28 (secondo la classificazione del D.M. 509) o L-18 e L-33 (secondo la classificazione del D.M. 270), che, di norma, fornisce le conoscenze specifiche richieste per l’accesso. Per lo studente in possesso di titoli di studio appartenenti a classi diverse da quelle menzionate, l’ammissione al Corso di Laurea Magistrale in:

a) Economia e Management è subordinata al possesso di almeno 15 CFU nell’ambito disciplinare economico; 18 CFU nell’ambito disciplinare aziendale; 15 CFU nell’ambito disciplinare statistico-matematico, 15 CFU nell’ambito disciplinare giuridico; 6 CFU in una lingua straniera dell’Unione europea.

b) Economia e Governance è subordinata al possesso di almeno 16 CFU nell’ambito disciplinare economico; 15 CFU nell’ambito disciplinare aziendale; 10 CFU nell’ambito disciplinare statistico-matematico, 15 CFU nell’ambito disciplinare giuridico; 6 CFU in una lingua straniera dell’Unione europea.

2. L’adeguatezza della preparazione personale dello studente è verificata mediante test o colloquio dinanzi ad una Commissione presieduta dal Presidente del Corso di Laurea e da due docenti del Corso designati dal Presidente del Corso di Laurea ovvero secondo le modalità indicate dal Senato Accademico per tutti i Corsi di Laurea magistrale afferenti all?’Ateneo del Sannio. La verifica è esclusa per quanti hanno conseguito la laurea con il punteggio di almeno 99 su 110.

Iscrizione al secondo anno

L’iscrizione al secondo anno è consentita previo superamento di almeno 24 CFU conseguiti entro la data prevista per l’iscrizione.


Trasferimento da altri Corsi di Studio e riconoscimento di crediti

Il Consiglio di Corso di Laurea delibera sul riconoscimento dei crediti nei casi di trasferimento da altro Ateneo, di passaggio da altro corso di studio o di svolgimento di parti di attività formative in altro Ateneo italiano o straniero, anche attraverso l’adozione di un piano di studi individuale.

Il Consiglio di Corso di Laurea delibera altresì sul riconoscimento della carriera di studenti che abbiano già conseguito il titolo di studio presso l’Ateneo o in altra Università italiana e che chiedano, contestualmente all’iscrizione, l’abbreviazione degli studi.

Secondo quanto previsto dalle norme vigenti possono essere riconosciuti conoscenze e abilità, certificate in CFU, fino ad un massimo di 40 CFU, se maturate in attività formative di livello postsecondario alla cui progettazione e realizzazione abbiano concorso istituzioni universitarie ovvero in altre attività formative documentate che abbiano portato all’acquisizione di specifiche competenze e abilità professionali.

Le attività già riconosciute ai fini della attribuzione di CFU nell’ambito di Corsi di Laurea non possono essere nuovamente riconosciute come Crediti formativi nell’ambito dei Corsi di Laurea Magistrale. Lo studente che intende ottenere il riconoscimento dei crediti relativi alle competenze e abilità maturate prima dell’iscrizione all’Università degli Studi del Sannio, deve presentare domanda al Presidente del Corso di Laurea Magistrale, allegando la documentazione necessaria, entro il 31 dicembre di ogni anno.

Lo studente già iscritto al Corso di Laurea Magistrale deve ottenere la preventiva autorizzazione del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale per poter acquisire crediti fuori del proprio Corso. I crediti conseguiti, non riconosciuti ai fini del conseguimento del titolo di studi, rimangono comunque registrati nella carriera dell’interessato.


Curricula e piani di studio 

I Corsi di Laurea Magistrale prevedono un unico curriculum istituzionale, le cui attività formative sono analiticamente riportate in seguito per ciascun Corso di studio. I Consigli di Corso di laurea possono indicare Piani di studio in cui è possibile specializzare il percorso formativo secondo le diverse linee ispiratrici del Curriculum Istituzionale.

I Piani di studio per l'A.A. 2010-2011, le cui attività formative sono analiticamente riportate in seguito per ciascun Corso di studio, sono:

1) Corso di laurea in Economia e Management:

a) Manageriale;

b) Professionale.

2) Corso di laurea in Economia e Governance:

a) Amministrazioni Pubbliche;

b) Sistema Finanziario;

c) Territoriale.

All’atto di iscrizione al primo anno lo studente: a) indica il Piano di studi prescelto; b) può operare la scelta, laddove sia prevista nel Piano di studio, tra due o più attività formative; c) può specificare gli insegnamenti ai quali destina i CFU previsti per le attività formative a scelta dello studente. Tali scelte sono modificabili all’inizio di ciascun anno di iscrizione.

L’indicazione del Piano di studio prescelto è comunicata via e-mail alla Segreteria della Facoltà e al Presidente del Corso di laurea. La scelta del Piano di studio predisposto dal Consiglio di Corso di laurea, con l’individuazione degli insegnamenti a scelta tra quelli indicati in via preferenziale dal Corso di laurea, comporta l’immediata efficacia del Piano di studi stesso.

Le eventuali propedeuticità tra gli insegnamenti (indicate in tabelle successive per ciascun Corso di studio) sono vincolanti solo all’interno del Corso di studio. Fermo restando il rispetto da parte dello studente delle propedeuticità fissate al momento dell’immatricolazione, eventuali modifiche delle propedeuticità sono stabilite dal Consiglio di Corso di Laurea Magistrale in sede di programmazione didattica e comunicate nel Manifesto annuale degli studi.

Piani di studio individuali

Lo studente può altresì presentare, sin dall’immatricolazione e di norma entro il primo anno fuori corso, un proprio piano di studi, difforme da quelli consigliati dal Consiglio di Corso di studio. Il piano di studi dovrà essere accompagnato da una motivazione scritta con- tenente le ragioni culturali, scientifiche e professionali della scelta effettuata.

Esso è approvato dal Consiglio di Corso di Laurea Magistrale, che delibera entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta da parte della Segreteria della Facoltà di Scienze Economiche e aziendali. Decorso il termine, il piano di studi si intende approvato. 


Insegnamenti aggiuntivi

I crediti acquisiti a seguito di esami, eventualmente sostenuti con esito positivo, per insegnamenti aggiuntivi, rispetto a quelli considerati validi ai fini del completamento del percorso formativo, sono registrati nella carriera del- lo studente e possono dare luogo a successivi riconoscimenti ai sensi della normativa vigente.

Le valutazioni ottenute non rientrano nel computo della media dei voti degli esami di profitto.


Insegnamenti a scelta dello studente

Gli insegnamenti a scelta fino a un massimo di 9 CFU sono liberamente individuati dallo studente, di norma, tra tutti quelli impartiti nella Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali (ivi inclusi quelli del precedente ordinamento in esaurimento, qualora il corso si svolga regolarmente nell’anno in cui si prevede la disciplina nel piano di studi), e, in via preferenziale, tra quelli eventualmente indicati dal Corso di laurea relativamente ad ogni Piano di studio.

Possono essere considerati insegnamenti a scelta anche parti aggiuntive di insegnamenti già presenti nel proprio curriculum. In altri termini, per raggiungere complessivamente i 9 CFU, non si deve necessariamente scegliere un insegnamento da 9 CFU. Possono infatti essere considerati insegnamenti a scelta anche parti aggiuntive di discipline già presenti nel proprio curriculum (ad es. si segue un corso di 9 CFU e si sostiene il relativo esame, mentre nel curriculum quell’insegnamento è di 6 CFU; i 3 CFU aggiuntivi saranno validi per raggiungere i 9 CFU complessivi per l’insegnamento a scelta).

In tal caso, i CFU corrispondenti all’insegnamento a scelta possono essere acquisiti durante l’intero corso di studi (a prescindere dall’anno in cui sono indicati nel curriculum).


Lingua straniera

I Corsi di laurea magistrale prevedono la conoscenza di una seconda lingua dell’Unione Europea oltre a quella Italiana, acquisita frequentando il relativo corso e sostenendone la prova di esame, con la quale lo studente acquisisce i relativi CFU.

Lo studente che già conosce una o più lingue straniere può chiedere di sostenere direttamente la prova di esame per acquisire i crediti corrispondenti.


Abilità informatiche

I Corsi di laurea magistrale prevedono che lo studente conosca i principi di base dell’informatica e dei sistemi di elaborazione dati. Pertanto lo studente acquisisce, frequentando un apposito corso, abilità informatiche pari a 3 CFU, verificate attraverso una prova di esame.

Lo studente già in possesso di abilità informatiche può chiedere di sostenere direttamente la prova di esame per acquisire i crediti corrispondenti.


Tirocinio

Il tirocinio consiste in esperienze professionali organizzate dal Consiglio di Corso di laurea magistrale e svolte dallo studente sotto la guida di uno o più docenti, tendenti a metterlo in contatto con il mondo del lavoro e delle professioni inerenti ai suoi studi.

Il suo svolgimento comporta l’acquisizione di 3 crediti. Se, per qualsiasi ragione, il periodo di tirocinio non fosse stato organizzato dal Corso di laurea magistrale o lo studente non abbia potuto parteciparvi, ovvero non sia riuscito a completarlo, lo studente può seguire un corso sostitutivo organizzato dal Corso di laurea magistrale. Può essere considerato corso sostitutivo uno di quelli svolti all’interno del Corso di laurea, ma in tal caso il docente concorda con lo studente un programma adeguato ai crediti ancora da acquisire. Possono considerarsi le attività lavorative già svolte dallo studente; in tal caso il Consiglio di Corso di laurea magistrale stabilisce le modalità per il riconoscimento dei crediti assegnati al tirocinio.

delegato di Facoltà ai tirocini e modulistica


Attività formative all’estero

Lo studente può usufruire di periodi di studio presso Università estere convenzionate, in Paesi appartenenti o meno all’Unione Europea, nelle quali può svolgere attività formative.


Modalità didattiche e frequenza delle lezioni

Gli insegnamenti sono impartiti mediante lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, testimonianze, attività seminariali. 1 CFU comporta 25 ore di attività e almeno 8 ore di lezioni frontali. Con riguardo ad alcuni insegnamenti, individuati dal Consiglio di Corso di Laurea magistrale, le lezioni possono essere erogate anche in lingua inglese.

I Corsi di laurea magistrale non prevedono forme di frequenza obbligatoria; tuttavia la partecipazione alle attività didattiche è fortemente consigliata. Il Consiglio di ciascun Corso di laurea magistrale può inoltre stabilire l’obbligatorietà della frequenza e/o l’eventuale modalità organizzative di attività sostitutive della frequenza obbligatoria per studenti lavoratori o con disa-

bilità, con eventuale previsione di supporti formativi integrativi a distanza per studenti non frequentanti o non impegnati a tempo pieno.


Modalità di verifica del profitto

Le modalità di verifica del profitto sono dirette ad accertare l’adeguata preparazione degli studenti iscritti al corso di studio ai fini della prosecuzione della loro carriera universitaria e dell’acquisizione dei crediti corrispondenti alle attività formative svolte.

Gli accertamenti possono dare luogo a votazione (esami di profitto) o a un semplice giudizio di approvazione o riprovazione. Gli esami di profitto possono essere orali e/o scritti. Le prove di verifica del profitto si svolgono, di regola, alla fine dei corsi. Possono essere previste forme di accertamento della preparazione degli studenti propedeutiche agli esami da tenersi alla fine del corso, di cui si terrà conto nella prova di verifica finale.

Le prove scritte, quando previste, consistono in compiti sulle tematiche del corso, nella risoluzione di esercizi, nella risposta a quesiti, nella predisposi- zione di tesine o in altre forme, comunque previste in sede di coordinamento dei programmi e dei corsi e preventivamente comunicate agli studenti. Le prove scritte devono essere corrette collegialmente dalla commissione di verifica. Lo studente ha diritto di visionare i risultati della verifica.

Le prove orali consistono in un colloquio sugli argomenti svolti durante il corso. Le prove di laboratorio hanno la funzione di esercitazioni. Ad esse può essere attribuita una valutazione, di cui tener conto al momento della prova di verifica di fine corso.

Al fine di evitare l’obsolescenza dei contenuti conoscitivi e le forme di verifica periodica, il Consiglio del Corso di Laurea può stabilire, per ogni corso di insegnamento, la durata di validità della prova di verifica. Trascorso tale termine, lo studente può essere invitato a frequentare di nuovo tutto il corso o parte di esso, sostenendo la relativa prova di verifica.

Le sedute orali degli esami di profitto sono pubbliche. Ai fini del superamento dell’esame è necessario conseguire il punteggio minimo di 18 punti. L’eventuale attribuzione della lode, in aggiunta al punteggio massimo di 30 punti, è subordinata alla valutazione unanime della Commissione esaminatrice.

La valutazione di insufficienza non è corredata da votazione. Nel caso di prove scritte, è consentito allo studente per tutta la durata delle stesse di ritirarsi. Nel caso di prove orali, è consentito allo studente di ritirarsi almeno fino al momento antecedente la verbalizzazione della valutazione finale di profitto. Qualora lo studente si sia ritirato o non abbia conseguito una valutazione di sufficienza, la relativa annotazione sul verbale, utilizzabile a fini statistici, non è trascritta sul libretto universitario dello studente e non è riportata nella sua carriera scolastica. Allo studente che si sia ritirato, o che non abbia conseguito una valutazione di sufficienza, è vietato, di norma, ripetere la prova di esame nell’appello immediatamente successivo, della medesima o della successiva sessione.


Prova finale di laurea

Per il conseguimento della Laurea Magistrale è richiesta la presentazione di una tesi elaborata dallo studente in modo originale guidato da un relatore. Per sostenere la prova finale per il conseguimento della laurea magistrale, lo studente deve aver acquisito tutti i CFU relativi alle attività formative previste dal proprio ordinamento degli studi (meno quelli assegnati alla prova finale).

Alla prova finale per il conseguimento della laurea magistrale sono assegnati 18 CFU. Essa è finalizzata ad accertare il raggiungimento degli obiet- tivi formativi qualificanti del Corso di Laurea Magistrale, consistendo in un elaborato scritto su un argomento studiato in un modulo didattico del per- corso formativo, sotto la guida di un docente relatore della Facoltà, in cui il laureando deve dimostrare: conoscenze approfondite, capacità espositiva, autonomia di giudizio, sintesi critica e spunti di originalità in termini sia metodologici sia applicativi. Nel caso in cui la tesi sia svolta contestualmente all’esperienza di tirocinio svolto in un’azienda o organizzazione, pubblica o privata, nazionale o internazionale, il docente tutor sarà affiancato da un tutor aziendale.

La tesi ha pertanto lo scopo di verificare la raggiunta maturità del laureando e la sua capacità di:

a) approfondire uno specifico argomento attinente agli studi svolti, mediante appropriata metodologia;

b) discutere il percorso di ricerca e i risultati conseguiti con docenti esperti della materia;

c) presentare in pubblico il proprio lavoro.

La tesi può essere redatta, ed eventualmente discussa, in una lingua straniera dell’Unione europea, facente parte del percorso formativo del Corso di Laurea Magistrale.

 

calendario delle sedute di laurea

modulistica


Assegnazione della tesi

Lo studente può chiedere la tesi di laurea in una delle discipline contenute nel suo piano di studio solo dopo aver superato almeno 6 esami del suo curriculum o 40 CFU. La domanda è indirizzata al Presidente del Corso di laurea magistrale e presentata presso la Presidenza della Facoltà, corredata dal certificato della Segreteria studenti con l’indicazione degli esami superati e dei CFU conseguiti. Se la Segreteria non ha ancora registrato qualche esame, lo studente può allegare fotocopia del suo libretto universitario ovvero la certificazione dei CFU maturati mediante altre attività curriculari.

Nella domanda lo studente deve indicare due discipline in ordine di preferenza. Il Consiglio di Corso di laurea magistrale attribuisce il primo correlatore o docente tutor. Sarà cura del docente tutor definire, assieme allo studente, l’argomento della tesi nell’ambito delle discipline da lui insegnate, nonché il tipo di tesi da svolgere.

Lo studente deve ottenere l’assegnazione della tesi almeno sei mesi prima della seduta di laurea. Ad ogni docente può essere assegnato un numero massimo di 10 tesi di laurea magistrale. Un docente può chiedere alla Presidenza che gli siano assegnati studenti oltre il limite massimo.

Verifica e Valutazione della prova finale di laurea

Le Commissioni giudicatrici della prova finale sono due: una di verifica e una plenaria. Prima della seduta dinanzi alla Commissione di laurea, il candidato deve sottoporre il proprio lavoro alla Commissione di verifica che valuta la quali- tà del lavoro svolto. Essa è composta dal relatore e due correlatori, di cui uno assegnato contestualmente al relatore (docente tutor) ed uno nominato almeno due mesi prima della discussione. Almeno 20 giorni prima della prova finale, la Commissione di verifica svolge un esame approfondito della tesi, ponendo al candidato domande sia sugli aspetti metodologici sia sui contenuti della ricerca svolta. La commissione di verifica assegna alla tesi una fascia di merito: alta (7-9 punti), media (4-6 punti), bassa (fino a 3 punti) punti, nel rispetto della quale sarà stabilito il voto di laurea, nella seduta plenaria pubblica.

Il candidato insoddisfatto della decisione della Commissione di verifica potrà ripresentare una nuova stesura della tesi non prima di due mesi, per una successiva e definitiva valutazione. La Commissione plenaria, abilitata al conferimento del titolo di studio, viene nominata dal Rettore o, su sua delega, dal Preside della Facoltà. Potranno far parte di detta Commissione anche professori e ricercatori di Facoltà diverse da quella presso cui sono iscritti i candidati, nonché professori a contratto. La Commissione plenaria determinerà il voto di laurea tenendo conto della valutazione espressa dalla Commissione di verifica, secondo quanto stabilito nell’art. 4 del presente Regolamento, e della capacità espositiva mostrata dal candidato al momento della presentazione pubblica del suo lavoro.

La Commissione plenaria, dato il giudizio della Commissione di valutazione e data l’esposizione del candidato in sede di seduta plenaria, può attri- buire all’esame di Laurea fino a nove voti su centodieci, che si sommeranno alla media risultante dagli esami di profitto, espressa in centodiecesimi, cui andrà aggiunto un punteggio pari a 0,04 per ciascuno dei crediti superati con lode.

Ai fini del superamento dell’esame di laurea magistrale è necessario conse- guire il punteggio minimo di 66 punti. L’eventuale attribuzione della lode, in aggiunta al punteggio massimo di 110 punti, è subordinata alla accertata rilevanza dei risultati raggiunti dal candidato e alla valutazione unanime della Commissione la quale può disporre all’unanimità ulteriori elogi ai la- vori particolarmente meritevoli.

La Commissione preposta alla prova finale deve esprimere il proprio giudizio tenendo conto dell’intero percorso formativo dello studente, valutandone la maturità culturale e la capacità di elaborazione intellettuale personale, nonché la qualità del lavoro svolto nella predisposizione della tesi. La Commissione di Laurea magistrale determina il voto di laurea attenendosi ai criteri indicati, avendo come oggetto di valutazione soprattutto le capacità espositive e l’incisività della presentazione pubblica del proprio lavoro realizzata dal candidato. Lo studente può ritirarsi dall’esame fino al momento di essere congedato dal Presidente della Commissione per dare corso alla procedura per l’attri- buzione del voto, che avviene senza la presenza dello studente o di estranei. Lo svolgimento degli esami finali di Laurea Magistrale è pubblico e pubblico è l’atto della proclamazione del risultato finale.

 


 

Corso di Laurea Magistrale in Economia e Governance a.a. 2010/11

Corso di Laurea Magistrale in Economia e Governance a.a. 2010/11

     lezioni - tutor del corso - ricevimento

    esami - materiale didattico

 

Consiglio del Corso di Laurea Magistrale in EG

Presidente: Rosario Santucci

Professori di ruolo: Giuseppe Marotta, Francesco Vespasiano, Fabio Amatucci.

Ricercatori: Rossella Del Prete, Vincenza Esposito, Gabriella Marcarelli, Biagio Simonetti, Carmen Vita.

 



Tutor del corso orario di ricevimento
Rosario Santucci
mercoledì 11.00-12.00
Giuseppe Marotta lunedì 10.00-11.00
Francesco Vespasiano martedì 11.00-13.00
Rossella Del Prete martedì 11.00-13.00
Vincenza Esposito mercoledì 11.00-13.00
Gabriella Marcarelli mercoledì 10.00-12.00
Biagio Simonetti giovedì 11.00-13.00
Carmen Vita lunedì 11.00-13.00

 


 

Regolamento 2010

 

 

 


 

Requisiti per l'immatricolazione

Procedure amministrative

 

 

 

 


 

Obiettivi formativi

La formazione del laureato magistrale in Economia e Governance, presso la Facoltà di Scienze economiche e aziendali dell’Università degli Studi del Sannio, in relazione alle tematiche dello sviluppo internazionale e territoriale, dei mercati del lavoro e del sistema creditizio, consente di realizzare i seguenti obiettivi:

- approfondire le metodologie e gli strumenti analitici delle discipline economiche;

- approfondire le metodologiche e le conoscenze nelle materie giuridiche;

- perfezionare le conoscenze delle discipline aziendali nelle varie aree funzionali;

- acquisire, attraverso un’adeguata offerta di insegnamenti dell’area statistico-matematica, di avanzate metodologie quantitative.

La formazione interdisciplinare dei laureati magistrali è completata da materie affini e integrative.

Il raggiungimento degli obiettivi formativi è garantito da un percorso, articolato Piani di studi o Indirizzi attraverso modalità didattiche differenziate (lezioni, esercitazioni, testimonianze, project work, laboratori, stage). Nei Piani di studio o Indirizzi la presenza delle diverse discipline è opportunamente distribuita in coerenza con le peculiarità formative prospettate e con le competenze professionali necessarie alle posizioni che i laureati do- vranno svolgere in futuro. Obiettivo del corso di laurea magistrale in Economia e Governance è formare figure professionali di alto profilo con ampie conoscenze dell’economia e dello sviluppo sociale e territoriale, in grado di assumere posizioni di elevata autonomia e responsabilità nelle strutture di governo dei sistemi economici, territoriali e sociali, sia privati sia pubblici.

Inoltre la formazione ricevuta è funzionale anche all’attività di ricerca nei predetti settori.

 


 

Profili professionali e sbocchi occupazionali

Grazie all’acquisizione delle nuove conoscenze, degli strumenti metodologici e delle numerose esperienze applicative condotte durante il corso di laurea magistrale, i laureati in Economia e Governance saranno in grado di applicare conoscenze e capacità sia per proporre e sostenere rigorose argomentazioni di carattere teorico, sia per la risoluzione di diverse problematiche economiche e aziendali, attinenti in particolare a:

- valutazioni economico-finanziarie;

- governance dei sistemi economici pubblici e privati;

- programmazione negoziale;

- valutazione di piani;

- analisi delle caratteristiche economiche e sociali del territorio attraverso i sistemi informativi territoriali.

Gli ambiti di riferimento sono rappresentati da:

- imprenditori;

- manager nelle aziende e istituzioni dei settori industriali, del credito e di servizi, pubblici e privati;

- liberi professionisti dell’area economica;

- esperti di responsabilità elevata e consulenti, in particolar modo nelle funzioni di organizzazione aziendale, lavoro, programmazione negoziale, valutazione di piani, analisi dei mercati del lavoro, progettazione e gestione delle reti intra e inter-organizzative.

Il corso prepara alle seguenti professioni:

- specialisti della gestione e del controllo nei vari ambiti della pubblica amministrazione;

- specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private;

- specialisti di problemi del personale e dell’organizzazione del lavoro;

- specialisti nei rapporti con il mercato;

- specialisti in scienze economiche.

 


 

Curriculum e Piani di studio

Le attività formative per il conseguimento della laurea magistrale in Economia e Governance (LM-77: Scienze economico-aziendali) sono quelle previste dall’ordinamento didattico di tale corso, contenute nel suo Prospetto delle attività formative. Qualsiasi indirizzo (o piano di studio) deve soddisfare le condizioni previste da tale prospetto.

Il Corso di Laurea Magistrale in EG prevede un unico Curriculum Istituzionale, le cui attività formative sono riportate di seguito. Il Consiglio di Corso di laurea può indicare Piani di studio in cui è possibile specializzare il percorso formativo secondo le diverse linee ispiratrici del Curriculum Istituzionale. I Piani di studio per l’A.A. 2010-2011 sono: 

Amministrazioni pubblicheSistema finanziario Territoriale.

Curriculum istituzionale - Prospetto delle attività formative

Attività formative caratterizzanti

Ambito  Disciplinare

Settore

CFU

Denominazione insegnamenti

Economico

SECS-P/01 Economia politica

9

Economia del lavoro II/Economia monetaria II/Economia urbana

SECS-P/01 Economia politica/

 

SECS-P/03 Scienza delle finanze

6

Economia monetaria II/Economia urbana /

Economia pubblica

SECS-P/02 Politica economica

6

Politica economica II/Economia e politica dell’unione monetaria europea/ Economia e politica dello sviluppo economico

Aziendale

SECS-P/07 Economia aziendale

9

Programmazione e controllo/  Programmazione e controllo delle aziende e della amministrazioni pubbliche/

Ragioneria bancaria

SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese/

SECS-P/09 Finanza aziendale

9

Marketing internazionale/ Management delle organizzazioni non profit/

Corporate Finance

SECS-P/07 Economia aziendale/ SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese/

SECS-P/11 Economia degli intermediari Finanziari

9

Ragioneria pubblica/ Economia e gestione della conoscenza e dell’innovazione/

Strumenti Finanziari

Statistico -matematico

SECS-S/01 Statistica/

 

SECS-S/06 Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie

12

Metodi statistici per la valutazione/ Analisi multivariata dei dati/

Matematica applicata/Modelli di valutazione e procedure decisionali

Giuridico

IUS/04 Diritto commerciale/

 

 

IUS/07 Diritto del lavoro/

IUS/14 Diritto dell’Unione europea

9

Diritto commerciale e dell’intermediazione bancaria e finanziaria II/

Diritto del lavoro pubblico/

Diritto dell’Unione europea

 

Attività formative affini o integrative

 

Settore

CFU

Denominazione insegnamenti

 

AGR/01 Economia ed estimo rurale/

 

IUS/10 Diritto amministrativo/

M-GGR/02 Geografia economico-politica/

 

SECS-P/04 Storia del pensiero economico/

SECS-P/05 Econometria/

SECS-P/10 Organizzazione aziendale/

SECS-P/12 Storia economica/

SPS/07 Sociologia generale

12

Metodi di valutazione e governance delle politiche di sviluppo/

Diritto dei contratti pubblici/

Pianificazione e organizzazione del territorio/Economia e politica del territorio/

Storia delle teorie monetarie/

Econometria/

Organizzazione dei sistemi pubblici/

Storia finanziaria/

Sociologia dell’innovazione e della conoscenza


 

Altre attività formative

 

Ambito disciplinare/Settore

CFU

Denominazione insegnamenti

 

A scelta dello studente

Per la prova finale 

Abilità informatiche

Tirocini formativi e di orientamento

L-LIN/12 - Lingua e traduzione lingua inglese                          

 

9

18

3

3

6



Informatica per le applicazioni economiche

 

Lingua inglese per la comunicazione economica

 

 


Amministrazioni pubbliche

 

I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011 - I Semestre
SECS-P/01 Economia del lavoro II (9 cfu)
SECS-P/08 Management delle organizzazioni non profit  (9 cfu)
  Informatica per le applicazioni economiche (3 cfu)
  Insegnamento a scelta  (9 cfu)
I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011 - II Semestre
IUS/10 Diritto dei contratti pubblici  (6 cfu)
SECS-S/01 Metodi statistici per la valutazione/Analisi multivariata dei dati  (6 cfu)
SECS-P/07 Ragioneria pubblica  (9 cfu)
SECS-S/06

Matematica applicata/Modelli di valutazione e procedure decisionali  (6 cfu)

L- Lin/12 Lingua inglese per la comunicazione economica  (6 cfu)
II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012 - I Semestre
SECS-P/07 Programmazione e controllo delle aziende e delle amm. pubbliche (9cfu)
SECS-P/10 Organizzazione dei sistemi pubblici  (6 cfu)
SECS-P/02 Politica economica II  (6 cfu)
SECS-P/03 Economia pubblica  (6 cfu)
II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012 - II Semestre
IUS/07 Diritto del lavoro pubblico  (9 cfu)
  Tirocinio  (3 cfu)
  Prova finale  (18 cfu)

 


Sistema finanziario

 

I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011I Semestre
SECS-P/01 Economia monetaria II (I di unico esame)  (9 cfu)
IUS/04 Diritto commerciale e dell'intermediazione bancaria e finanziaria II  (9 cfu)
SECS-P/07 Ragioneria bancaria (9 cfu)
  Informatica per le applicazioni economiche (3 cfu)
I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011II Semestre
SECS-P/01 Economia monetaria II (II di unico esame)  (6 cfu)
SECS-S/01  Metodi statistici per la valutazione/Analisi multivariata dei dati  (6 cfu)
SECS-S/06 Matematica applicata/Modelli di valutazione e procedure decisionali (6 cfu)
L- Lin/12 Lingua inglese per la comunicazione economica  (6 cfu)
  Insegnamento a scelta  (9 cfu)
II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012I Semestre
SECS-P/02 Economia e politica dell'unione monetaria europea  (6 cfu)

SECS-P/04 o

SECS-P/12

Storia delle teorie monetarie o

Storia finanziaria (6 cfu)

SECS-P/11 Strumenti finanziari  (9 cfu)
SECS-P/05 Econometria  (6 cfu)
II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012 - II Semestre
SECS-P/09 Corporate Finance  (9 cfu)
  Tirocinio  (3 cfu)
  Prova finale  (18 cfu)

 


Territoriale

 

I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011 - I Semestre
SECS-P/01 Economia urbana (I di unico esame)  (9 cfu)
SECS-P/07 Programmazione e controllo  (9 cfu)
SECS-P/08 Economia e gestione della conoscenza e dell'innovazione (9 cfu)
  Informatica per le applicazioni economiche (3 cfu)
I Anno attivo dall'a.a. 2010-2011II Semestre
SECS-P/01 Economia urbana (II di unico esame, programma Metodi di misurazione dell'economia) (6 cfu)
SECS-S/01 Metodi statistici per la valutazione/Analisi multivariata dei dati  (6 cfu)
SECS-S/06 Matematica applicata/Modelli di valutazione e procedure decisionali (6 cfu)
L- Lin/12 Lingua inglese per la comunicazione economica  (6 cfu)
  Insegnamento a scelta  (9 cfu)
II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012 - I Semestre
SECS-P/02 Economia e politica dello sviluppo economico  (6 cfu)
SECS-P/08 Marketing internazionale  (9 cfu)
IUS/14 Diritto dell'Unione Europea  (9 cfu)

MGGR/02 o

SPS/07

Pianificazione e organizzazione del territorio o Economia e politiche del territorio o

Sociologia dell'innovazione e della conoscenza  (6 cfu)

II Anno attivo dall'a.a. 2011-2012II Semestre
AGR/01 Metodi di valutazione e governance delle politiche di sviluppo  (6 cfu)
  Tirocinio  (3 cfu)
  Prova finale  (18 cfu)

 


Materiale didattico

Programmazione e controllo - Prof. Napoli

Economia monetaria II - Proff. Fontana-Pacella

Ragioneria bancaria - prof. Ricci

 Matematica applicata - prof. Squillante

 


Programmi e materiale didattico


  A.A. 2010-2011
Economia del lavoro II (EG_ap)
 
Economia e gestione della conoscenza e dell'innovazione (EG_t)  
Economia monetaria II  (EG_sf)  
Economia urbana  - I di unico esame (EG_t)
 
Informatica per le applicazioni economiche  
Lingua inglese per la comunicazione economica  
Management delle organizzazioni non profit  (EG_ap)  
Matematica applicata ENG
Metodi statistici per la valutazione ENG
Modelli di valutazione e procedure decisionali  ENG
Programmazione e controllo (EG_t)  
Ragioneria bancaria (EG_sf)  


Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management a.a 2010/11

Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management a.a 2010/11

    orario delle lezioni 

    esami - ricevimento

    materiale didattico

 

Consiglio del corso di Laurea Magistrale in EM

Presidente: Arturo Capasso

Professori di ruolo: Pietro Amenta, Filippo Bencardino, Manlio Lubrano di Scorpaniello.

Ricercatori: Alessandro De Nisco, Roberto Jannelli, Antonella Napolitano, Guido Tortorella Esposito.

Rappresentanti degli studenti: Gianluca Capone, Agostino Santosuosso.



 

Regolamento 2010

 

 

 

 


Obiettivi formativi

La formazione del laureato magistrale in Economia e Management, presso la Facoltà di Scienze economiche e aziendali dell’Università degli Studi del Sannio, consente di realizzare i seguenti obiettivi:

- approfondire le conoscenze nelle materie aziendali, con riferimento alle diverse aree funzionali, attraverso un’adeguata presenza nelle attività formative caratterizzanti, al fine di formare figure professionali in grado di svolgere funzioni manageriali e consulenziali nelle aziende dei settori privato e pubblico;

- migliorare le capacità di analisi dello scenario economico in cui opera l’impresa;

- acquisire un’avanzata capacità di valutazione quantitativa dell’andamento dei sistemi economici, delle imprese e dei mercati;

- approfondire le conoscenze delle materie giuridiche sul sistema di impresa, dei mercati e delle pubbliche amministrazioni.

Il raggiungimento degli obiettivi formativi è garantito da un percorso, articolato in Piani di studi o Indirizzi attraverso modalità didattiche differenziate (lezioni, esercitazioni, testimonianze, project work, laboratori, stage). Nei Piani di studio o Indirizzi la presenza delle diverse discipline è opportunamente distribuita in coerenza con le peculiarità formative prospettate e con le competenze professionali necessarie alle posizioni che i laureati dovranno svolgere in futuro. Obiettivo del corso di laurea magistrale in Economia e Management è formare figure professionali di alto profilo, in grado di assumere posizioni di elevata autonomia e responsabilità, sia alle dipendenze, sia in proprio, in ordine principalmente alla direzione, programmazione, gestione, valutazio- ne e controllo dei sistemi aziendali privati e pubblici. Il corso magistrale offre, infatti, l’opportunità di costruire un bagaglio di conoscenze da spendere nel contesto della professione autonoma, delle società di consulenza, in aziende industriali o di servizi, nelle aziende e nelle istituzioni pubbliche.


Profili professionali e sbocchi occupazionali

La preparazione è finalizzata alla formazione di professionalità nell’area dell’economia e della gestione aziendale. Gli sbocchi occupazionali si differenziano in funzione della scelta dello studente in merito agli approfondimenti previsti nei diversi curricula; in ogni caso, grazie all’acquisizione delle nuove conoscenze, degli strumenti metodologici e delle numerose esperienze applicative condotte durante il corso di laurea magistrale, il laureato in Economia e Management sarà in grado di applicare conoscenze e capacità sia per proporre e sostenere rigorose argomentazioni di carattere teorico, sia per la risoluzione di diverse problematiche economiche e aziendali, attinenti in particolare a:

- valutazioni economico-finanziarie;

- governance aziendale;

- strategie e politiche aziendali;

- controllo di gestione;

- economia dei gruppi aziendali;

- gestioni straordinarie;

- sistemi informativi aziendali.

Gli ambiti professionali di riferimento sono rappresentati da:

- imprenditori e manager nelle aziende e istituzioni dei settori industriali, del credito e di servizi, pubblici e privati;

- liberi professionisti (nelle professioni dell’area economica);

- nelle attività professionali come esperti di responsabilità elevata e consulenti, in particolar modo nelle funzioni di amministrazione, gestione, organizzazione aziendale, del lavoro e della produzione, marketing, finanza, pianificazione e controllo di gestione, auditing e revisione, progettazione e gestione delle reti intra e inter-organizzative.

Il corso prepara alle professioni di specialisti:

- della gestione e del controllo nella pubblica amministrazione e nelle imprese private;

- in scienze economiche;

- in contabilità e problemi finanziari;

- nei rapporti con il mercato.


Curriculum e piani di studio

Le attività formative per il conseguimento della laurea magistrale in Economia e Management (LM-77: Scienze economico-aziendali) sono quelle previste dall’ordinamento didattico di tale corso, contenute nel suo Prospetto delle attività formative. Qualsiasi Piano di studio deve soddisfare le con- dizioni previste da tale prospetto.

Il Corso di Laurea Magistrale in EM prevede un unico Curriculum Istituzionale, le cui attività formative sono riportate di seguito. Il Consiglio di Corso di laurea può indicare Piani di studio in cui è possibile specializzare il percorso formativo secondo le diverse linee ispiratrici del Curriculum Istituzionale. I Piani di studio per l’A.A. 2010-2011, riportati di seguito, sono: Manageriale; Professionale.

Curriculum istituzionale - Prospetto delle attività formative

Attività formative caratterizzanti

Ambito

Settore

CFU

Insegnamenti

Economico

SECS-P/01 Economia politica

9

Economia delle imprese e dei mercati

SECS-P/03 Scienza delle finanze/

SECS-P/01 Economia politica/

SECS-P/12 Storia economica

6

Economia pubblica/

Economia dell’Unione europea/

Storia dell’impresa

Aziendale

SECS-P/07 Economia aziendale

9

Programmazione e controllo/

Tecnica professionale

SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese

9

Corporate Strategy

SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese/

SECS-P/09 Finanza aziendale

9

Corporate Governance/

Corporate Finance

SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese /

SECS-P/10 Organizzazione aziendale

6

Marketing strategico/

Gestione delle risorse umane

Statistico -matematico

SECS-S/01 Statistica

6

Analisi multivariata dei dati

SECS-S/06 Metodi matematici dell’economia e delle scienze attuariali e finanziarie

6

Matematica applicata

Giuridico

IUS/04 Diritto commerciale/

IUS/07 Diritto del lavoro 

9

Diritto delle crisi di impresa/

Diritto del lavoro e della previdenza sociale

Attività affini o integrative

Settore

CFU

Insegnamenti

IUS/12 Diritto tributario

6

Diritto tributario II

AGR/01 Economia ed estimo rurale/

M-GGR/02 Geografia economico-politica/

SPS/07 Sociologia generale

6

Economia dei mercati agroalimentari/

Economia e politiche del territorio/

Sociologia dell’innovazione e della conoscenza

Altre attività formative

Ambito disciplinare/Settore

CFU

Denominazione insegnamenti

 

A scelta dello studente

Per la prova finale

Abilità informatiche

Tirocini formativi e di orientamento

L-LIN/12 - Lingua e traduzione lingua inglese

 

9

18

3

3

6

 

 

Informatica per le applicazioni economiche

 

Lingua inglese per la comunicazione economica

 


Manageriale

I Anno attivo dall’a.a. 2010-2011 - I Semestre
SECS-P/01 Economia delle imprese e dei mercati   (9 cfu)
IUS/12 Diritto tributario II   (6 cfu)
SECS-P/07 Programmazione e controllo   (9 cfu)
  Informatica per le applicazioni economiche   (3 cfu)
I Anno attivo dall’a.a. 2010-2011II Semestre
SECS-S/06 Matematica applicata   (6 cfu)
SECS-S/01 Analisi multivariata dei dati   (6 cfu)
SECS-P/08 Marketing strategico   (6 cfu)
SECS-P/08 Corporate Strategy   (9 cfu)
L- Lin/12  Lingua inglese per la comunicazione economica   (6 cfu)

 

II Anno attivo dall’a.a. 2011-2012 - I Semestre

SECS-P/01 o

SECS-P/12

Economia dell’Unione europea o                     

  

Storia dell’impresa   (6 cfu)

SECS-P/08 Corporate governance   (9 cfu)

IUS/04 o

IUS/07

Diritto delle crisi di impresa o

Diritto del lavoro e della previdenza sociale   (9 cfu)

M-GGR/02 o

 

SPS/07

Economia e politiche del territorio o

Sociologia della innovazione e della conoscenza   (6 cfu)

II Anno attivo dall’a.a. 2011-2012II Semestre
SECS-S/06 Insegnamento a scelta   (9 cfu)
  Tirocinio   (3 cfu)
  Prova finale   (18 cfu)


Professionale

 

I Anno attivo dall’a.a. 2010-2011 - I Semestre
SECS-P/01 Economia delle imprese e dei mercati   (9 cfu)
IUS/12 Diritto tributario II   (6 cfu)
  Informatica per le applicazioni economiche   (3 cfu)
SECS-P/07 Tecnica professionale   (9 cfu)
I Anno attivo dall’a.a. 2010-2011 II Semestre
SECS-P/10 Gestione delle risorse umane (6 cfu)
SECS-P/08 Corporate Strategy   (9 cfu)
SECS-S/06 Matematica applicata   (6 cfu)
SECS-S/01 Analisi multivariata dei dati   (6 cfu)
L- Lin/12 Lingua inglese per la comunicazione economica   (6 cfu)

 

II Anno attivo dall’a.a. 2011-2012 I Semestre
SECS-P/03 Economia pubblica   (6 cfu)
SECS-P/09 Corporate Finance   (9 cfu)
AGR/01 Economia dei mercati agroalimentari   (6 cfu)
IUS/04 Diritto delle crisi di impresa   (9 cfu)
II Anno attivo dall’a.a. 2011-2012 - II Semestre
SECS-S/06 Insegnamento a scelta   (9 cfu)
  Tirocinio   (3 cfu)
  Prova finale   (18 cfu)





Materiale didattico

Programmazione e controllo - Prof. Napoli

Matematica applicata - prof. Squillante

 


Programmi e materiale didattico

A.A. 2010-2011

Diritto tributario II  
Gestione delle risorse umane  
Informatica per le applicazioni economiche  
 Lingua inglese per la comunicazione economica  
Matematica applicata (6 cfu) ENG version
Programmazione e controllo  

 


 

 

Banner
Banner

ERASMUS

Delegato per Il Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi

dott. Biagio Simonetti - tel. 0824305726 - email: simonetti@unisannio.it

Area Studenti
Settore Relazioni e Mobilità Internazionale
Unità Organizzativa Programmi di Mobilità

Complesso Sant'Agostino - Via De Nicastro - 82100 - Benevento - ITALIA
Tel. 0039 0824 305453 - e-mail: erasmus@unisannio.it

Orientamento

Delegato per il Dipartimento di Diritto, Economia, Management e Metodi Quantitativi
 Prof.ssa Cristina Ciancio
e-mail cristina.ciancio@unisannio.it

Area Studenti
Unità Organizzativa: Orientamento e Placement
Via De Nicastro - Complesso Sant’Agostino -
 Tel. 0824-3054/55/56 – e-mail: orientamento@unisannio.it
Orario al pubblico: 10.00 – 12.00 (dal lunedì al venerdì) - 15.30 - 16.30 (giovedì)
Sito web: http://www.orientamento.unisannio.it

 

Servizi On Line

Studenti: Da qui puoi accedere a tutti i servizi che l'Ateneo mette a Tua disposizione: Preiscrizioni on line, Visualizzazione dati della carriera, Prenotazione Esami, Autocertificazione del Reddito, Questionario ALMALaurea...

Docenti:Da qui puoi accedere a tutti i servizi che l'Ateneo mette a Tua disposizione: Definizione Appelli, Schede Insegnamenti ...

 

Servizi Studenti